| Mappa  


Elenco ufficiale delle pubblicazioni scientifiche del Prof. Francesco Montorsi.

Vedi

Attività clinica > Int. chirurgici e notizie utili > Sling tvt per incontinenza urinaria femminile


Scarica il pdf

Guida per il paziente candidato a ricovero per intervento di POSIZIONAMENTO DI TENSION-FREE-VAGINAL TAPE (TVT)

Gentile Paziente,
le procedure diagnostiche e le visite specialistiche alle quali è stata sottoposta hanno permesso di diagnosticare la presenza di una incontinenza urinaria da sforzo (stress incontinence).

L'incontinenza urinaria, ovvero la perdita involontaria di urina, è un problema che riguarda oltre 3 milioni di italiani (il 7,8% della popolazione generale). Le donne sono maggiormente colpite rispetto al sesso maschile, a causa dei parti (che possono alterare la struttura dei tessuti circostanti la vagina), la menopausa, la predisposizione individuale e il soprappeso.
Ad ogni modo, l'incontinenza compromette spesso seriamente la qualità  della vita delle pazienti, in diversi ambiti: sociale, psicologico, professionale, domestico, fisico, sessuale. Esistono diversi tipi di incontinenza; quella dalla quale Lei è affetta, ovvero l'incontinenza da stress, che si manifesta ad esempio quando si tossisce, si ride, si corre, può essere trattata efficacemente grazie all'intervento chirurgico che noi le proponiamo.
Questa tipologia d'intervento è estremamente efficace: secondo i dati pubblicati da diversi autori anche italiani, noi compresi, le percentuale di successo sono superiori al 90%, indipendentemente dal centro dove l'intervento viene eseguito. Informazioni rassicuranti relative ai risultati dopo 5-7 anni dall'intervento confermano l'efficacia della procedura nel tempo. Circa 'l'85% delle pazienti riferisce la risoluzione completa del problema (assenza assoluta di incontinenza da stress). Circa l'11% riporta un significativo miglioramento della condizione tale che eventuali modeste perdite di urina, non sono più considerate causa di disagio. Circa il 4% delle pazienti, infine, non riferisce alcun miglioramento.

La nostra U.O. di Urologia dispone quotidianamente di 3/4 sale operatorie per far fronte alle esigenze di tutti i nostri pazienti; nonostante l'alto numero d'interventi che vengono eseguiti ogni giorno, Lei verrà  posto in lista di ricovero e quindi potrà  passare qualche mese tra la candidatura all'intervento e l'intervento stesso.

Il tempo di attesa può essere diverso da paziente a paziente e ogni singolo ingresso viene sempre deciso dal Direttore della nostra Unità  Operativa.

Un mese prima del ricovero, verrà  contattato telefonicamente dalla nostra Segreteria di Urologia (settore Q piano terra, telefono 02/2632.2403, 02/2643.2299) e Le sarà  comunicato il giorno in cui dovrà  recarsi a digiuno presso l'Ambulatorio Prericoveri (Settore B Linea Arianna piano -1) per eseguire, nell'arco di una giornata, i seguenti accertamenti:

  • Visita Urologica (verifica delle possibili procedure terapeutiche da attuare; compilazione della cartella clinica; spiegazione ed eventuale compilazione del consenso informato);

  • Esecuzione degli esami preoperatori (esami del sangue, elettrocardiogramma, eventuale radiografia del torace);

  • Visita Anestesiologica (verifica delle diverse modalità  di somministrazione della anestesia - spinale o generale, compilazione del cartellino anestesiologico, spiegazione e compilazione del consenso informato).

 

In sede di Visita Pre-Ricovero Le chiediamo di segnalarci tutta la Sua terapia domiciliare cronica abitualmente assunta, ed in particolare l'eventuale assunzione di farmaci ad azione antiaggregante (Aspirinetta, Ascriptin, Ibustrin, Plavix, Ticlopidina, Tiklid, o similari) oppure farmaci anticoagulanti (Coumadin, Sintrom, o similari), che devono essere rigorosamente sospesi 10 giorni prima dell'intervento sotto il controllo del Medico Curante, ed eventualmente sostituiti con terapia a base di eparina a basso peso molecolare.

In base ai referti degli esami sopra descritti e/o in base all'esito della Visita Urologica e/o Anestesiologica potranno essere indicati ulteriori nuovi accertamenti clinici e/o strumentali che verranno programmati successivamente, ma comunque prima del ricovero; una volta eseguiti, la Paziente verrà  rivalutata dallo Specialista al fine di definire la idoneità  finale all'intervento chirurgico.

Il posizionamento del T.V.T. prevede una ulteriore serie di accertamenti clinici e strumentali, da eseguire prima del ricovero, per garantirLe un adeguato trattamento in considerazione della patologia di cui Lei soffre e delle Sue condizioni generali di salute. Tali accertamenti sono rappresentati da:

  • Dosaggio ematochimico della glicemia e della emoglobina glicata (da eseguirsi al massimo 1 mese prima della data dell'intervento);

  • Esame urine con urinocoltura (da eseguirsi al massimo 1 mese prima della data dell'intervento);

  • PAD test/peso dei pannolini bagnati;

  • Uretrocistoscopia;

  • Esame urodinamico completo;

  • Ecografia dell'apparato urinario (opzionale);

  • Cistouretrografia retrograda e minzionale (opzionale).

 

Il dosaggio della glicemia e della emoglobina glicata, cosi come l'esame delle urine, devono risultare nella norma.

Entro un mese dalla visita del pre-ricovero la nostra Segreteria Le comunicherà  telefonicamente la data di ingresso presso il nostro Reparto (U.O. di Urologia, settore Q, 5^ piano).

La durata del ricovero sarà  di circa 72-96 ore; al termine della degenza le verrà  consegnata una lettera di dimissione con le indicazioni per la prima visita urologica ambulatoriale con la medicazione delle ferite, le modalità  ripresa delle attività  quotidiane, le terapie da assumere al domicilio, le visite di controllo da effettuare.

E'prevista una visita di controllo dopo 7 giorni dall'intervento chirurgico ed una a 30 giorni, per verificare l'iniziale funzionamento del T.V.T. Durante tale visita, inoltre, l'urologo vi spiegherà  i comportamenti da assumere in caso di malfunzionamento o di comparsa di infezioni, come sotto indicato.

PREPARAZIONE ALL'INTERVENTO DI POSIZIONAMENTO DI TENSION-FREE-VAGINAL TAPE (TVT)

Gentile paziente, alleghiamo qui di seguito alcune nozioni riguardanti l'intervento chirurgico al quale sta per essere sottoposto e alcuni consigli pratici sul Suo decorso post-operatorio.

Nella nostra U.O. uno Specialista Urologo è sempre presente ed eventualmente reperibile per le urgenze, pertanto se dovesse avere la necessità  di contattarlo in seguito all'intervento da Lei eseguito potrà  farlo telefonando al Reparto di Urologia.

Norme igieniche pre-operatorie

Tre giorni prima del ricovero è buona norma iniziare le seguenti procedure al fine di diminuire il rischio di infezione:

  • lavaggi quotidiani ( mattina e sera) di pene, scroto e perineo con una soluzione contenente clorexidina al 4% (nome commerciale HIBISCRUB o simili).

  • Applicazione 2 volte al di'( mattina e sera) di crema nasale contenete mupirocina al 2% ( nome commerciale Bactroban nasale o simili)

Non eseguire alcuna depilazione a domicilio, per ragioni mediche si viene depilati la mattina dell'intervento.


Intervento

Anestesia

L'intervento viene eseguito in anestesia "loco-regionale", cioè mediante una piccola iniezione di anestetico a livello della colonna vertebrale (scientificamente definita come iniezione spinale). Questo tipo di anestesia Le consente di essere sveglia durante l'esecuzione dell'intervento chirurgico. La sua attiva partecipazione, infatti, rappresenta un momento fondamentale dell'intervento stesso, come Le spiegheremo tra poco.


Cenni di tecnica chirurgica

L'intervento è mini-invasivo.
Vengono praticate 2 piccole incisioni di circa 1 cm a livello del pube ed una di circa 1.5 cm sulla vagina, attraverso le quali viene posizionata, con un apposito strumento, una benderella (il "Tape"), costituita di un materiale biocompatibile.



Questa benderella viene adagiata, senza tensione, in modo da circondare l'uretra.



Una cistoscopia di controllo, eseguita durante l'intervento, consentirà  di verificare l'integrità  della vescica. Inoltre, il chirurgo verificherà  direttamente il sostegno effettivo dell'uretra tramite questo dispositivo (e, quindi, la continenza sotto sforzo), invitandola ad eseguire dei colpi di tosse nelle fasi finali dell'intervento stesso e garantendo, in tal modo, la continenza sotto sforzo.



Dopo la chiusura delle incisioni, la benderella si manterrà  in sede per semplice frizione, senza fissaggio, grazie alla sua sola rugosità . Inoltre, essa manterrà  la sua resistenza nel tempo pur adattandosi alle sollecitazioni dell'organismo.
La durata complessiva dell'intervento è pari a circa 45-60 minuti.
Spesso non è necessario posizionare il catetere vescicale. Qualora sia necessario, questo viene rimosso nel corso della prima giornata post-operatoria, con ripresa spontanea della minzione.

CONSIGLI ALLA DIMISSIONE DOPO INTERVENTO DI
POSIZIONAMENTO DI TENSION-FREE-VAGINAL TAPE (T.V.T.)

Convalescenza

Dura in media circa 10 giorni. Il congedo da malattia previsto è generalmente di 4 settimane, ma dipende dagli sforzi che il lavoro impone.
A partire dalla dimissione, si possono riprendere gradatamente le normali attività  quotidiane, a condizione di evitare gli sforzi troppo violenti come alzare oggetti e buste più pesanti di 2-3 chili.


Attività  sportiva ed attività  sessuale

Potranno essere riprese a 4 settimane dall'intervento, e preferibilmente, dopo la visita di controllo dal chirurgo da eseguirsi, comunque, alla fine della quarta settimana post-operatoria.

La ferita

I punti delle ferite cutanee potranno essere rimossi dopo circa 8 giorni dall'intervento. Potrete fare una doccia a partire da 2 giorni dopo la rimozione dei punti (il bagno nella vasca è permesso dopo circa 20 giorni dall'intervento). In alcune pazienti viene eseguita una sutura cutanea con tecnica intradermica e non e' necessario rimuovere alcun punto di sutura.
Potrebbero formarsi degli ematomi intorno al punto di passaggio degli aghi negli elementi muscolari pelvici. Tali ematomi tendono a riassorbirsi da soli con il trascorrere dei giorni.

Infezioni delle vie urinarie

Verrà  somministrato un trattamento antibiotico per il periodo di convalescenza, per evitare infezioni. Nel sospetto di una infezione delle vie urinarie, consigliamo di eseguire un esame completo delle urine ed una urinocoltura con antibiogramma e chiedere al vostro Medico Curante per una eventuale terapia antibiotica appropriata. Avvisateci sempre per un problema di questo tipo.


Dolore addominale e/o perineale

I dolori post-operatori sono minimi e facilmente controllabili con un trattamento antalgico comune.

Necessità  di reintervento

Un reintervento potrebbe rendere necessario Qualora si manifesti un'infezione nella sede dell'impianto protesico.

Il reintervento ha lo scopo di rimuovere l'intero dispositivo.
In caso di infezione, una volta rimosso il dispositivo protesico, i tessuti verranno abbondantemente irrorati con soluzione antibiotica ed eventuali raccolte infette saranno drenate all'esterno.
Non sarà  assolutamente possibile impiantare un nuovo dispositivo nel corso dello stesso intervento, al fine di evitare problemi di sovrapposta infezione. Un nuovo intervento sarà  possibile una volta risolta adeguatamente l'infezione.

Per quanto riguarda i controlli futuri, vi raccomandiamo di seguire attentamente tutto quanto vi è stato scritto nella lettera di dimissione che vi sarà  consegnata.

 

Torna all'elenco degli interventi

Home| Curriculum |Pubblicazioni|Attività  Clinica|Headline news|Contatti
 



European Urology
, di cui il Prof. Montorsi è Editor-in-Chief Emerito, è la rivista ufficiale della European Association of Urology (EAU)

Vai alla sezione





Vai alla sezione

 
Privacy Policy © 2009 Studio Montorsi. All rights reserved - P.IVA 04946680966 Credits