| Mappa  


Elenco ufficiale delle pubblicazioni scientifiche del Prof. Francesco Montorsi.

Vedi

Attività clinica > Int. chirurgici e notizie utili > Nefrectomia radicale


Scarica il pdf

Guida per il paziente candidato a ricovero per intervento di ASPORTAZIONE COMPLETA CHIRURGICA A CIELO APERTO DEL RENE PER TUMORE (NEFRECTOMIA RADICALE A CIELO APERTO)

Gentile Paziente,
le procedure diagnostiche e le visite specialistiche alle quali è stato sottoposto hanno permesso di diagnosticare la presenza di un tumore renale. Siamo lieti che Lei abbia accettato ad essere ricoverato per questo motivo presso il nostro Dipartimento, dove ogni anno vengono eseguiti numerosi interventi di questo tipo. L'esperienza che abbiamo accumulato negli anni nella esecuzione di questo intervento è ai massimi livelli europei e ci auguriamo che Lei si senta per questo rassicurato circa il buon esito del Suo ricovero. La nostra U.O. di Urologia dispone quotidianamente di 3/4 sale operatorie per far fronte alle esigenze di tutti i nostri pazienti; nonostante l'alto numero d'interventi che vengono eseguiti ogni giorno, Lei verrà  posto in lista di ricovero e quindi potrà  passare qualche mese tra la candidatura all'intervento e l'intervento stesso.
Il tempo di attesa può essere diverso da paziente a paziente in base alla gravità  della malattia tumorale renale e ogni singolo ingresso viene sempre deciso dal Direttore della nostra Unità  Operativa. Un mese prima del ricovero, verrà  contattato telefonicamente dalla nostra Segreteria di Urologia (settore Q piano terra, telefono 02/2632.2403, 02/2643.2299) e Le sarà  comunicato il giorno in cui dovrà  recarsi a digiuno presso l'Ambulatorio Prericoveri (Settore B Linea Arianna piano -1) per eseguire, nell'arco di una giornata, i seguenti accertamenti:

  • Visita Urologica (verifica delle possibili procedure terapeutiche da attuare; compilazione della cartella clinica; spiegazione ed eventuale compilazione del consenso informato).
  • Colloquio con lo Psicologo (per il quale è necessaria l'impegnativa compilata da parte del Medico Curante per Colloquio Psicologico Oncologico).
  • Esecuzione degli esami preoperatori (esami del sangue, elettrocardiogramma, eventuale radiografia del torace).
  • Visita Anestesiologica (verifica delle diverse modalità  di somministrazione della anestesia - spinale o generale, compilazione del cartellino anestesiologico, spiegazione e compilazione del consenso informato).
In sede di Visita Pre-Ricovero Le chiediamo di segnalarci tutta la Sua terapia domiciliare cronica abitualmente assunta, ed in particolare l'eventuale assunzione di farmaci ad azione antiaggregante (Aspirinetta, Ascriptin, Ibustrin, Plavix, Ticlopidina, Tiklid, o similari) oppure farmaci anticoagulanti (Coumadin, Sintrom, o similari), che devono essere rigorosamente sospesi 10 giorni prima dell'intervento sotto il controllo del Medico Curante, ed eventualmente sostituiti con terapia a base di eparina a basso peso molecolare. In base ai referti degli esami sopra descritti e/o in base all'esito della Visita Urologica e/o Anestesiologica potranno essere indicati ulteriori nuovi accertamenti clinici e/o strumentali che verranno programmati successivamente, ma comunque prima del ricovero; una volta eseguiti, il Paziente verrà  rivalutato dallo Specialista al fine di definire la idoneità  finale all'intervento chirurgico. Se le Sue condizioni cliniche dovessero permetterlo, Lei potrà  essere candidato alla esecuzione di uno o due autodepositi di sangue (350 cc circa) che verranno conservati presso il Servizio Trasfusionale di questo Ospedale. In caso di necessità  e a giudizio dell'Anestesista o dell'Urologo che la avranno in cura, gli autodepositi di sangue verranno ritrasfusi durante l'intervento o durante il ricovero. Tale metodica permette di ridurre al minimo i rischi derivanti dalla eventuale trasfusione di sangue da un donatore volontario. Non essere candidabili alla procedura di autodonazione di sangue non preclude di per sè l'intervento chirurgico.
In caso di necessità  è previsto che Suoi parenti diretti (cioè consanguinei) possano donare una o due sacche di sangue a Lei destinate; tale tipo di procedura, donazione dedicata, è attuabile solo nel caso in cui il gruppo sanguigno del donatore sia compatibile con quello del ricevente. Per poter effettuare tale procedura è necessario che il donatore si presenti con un congruo anticipo rispetto alla data prevista per il Suo intervento presso il Servizio Trasfusionale e che il donatore stesso si trovi nelle condizioni di salute adatte per la esecuzione della donazione. Entro un mese dalla visita del pre-ricovero la nostra Segreteria Le comunicherà  telefonicamente la data di ingresso presso il nostro Reparto (U.O. di Urologia, settore Q, 5^ piano).
La durata del ricovero sarà  di circa una settimana; al termine della degenza le verrà  consegnata una lettera di dimissione con le indicazioni per la prima visita urologica ambulatoriale con la medicazione della ferita, la rimozione dei punti e/o del drenaggio/i e/o del catetere vescicale (vedi sotto). In base al referto istologico del pezzo operatorio, il Suo Urologo di riferimento imposterà  il successivo follow-up, e potrà  decidere in base all'estensione della malattia la eventuale necessità  di eseguire una ulteriore terapia adiuvante.
Attualmente, essa consiste nell'immunoterapia o in protocolli sperimentali che utilizzano farmaci anti-neoangiogenetici.
Se Lei lo desidera potrà  afferire alla U.O. di Oncologia di questo Istituto (vedi sotto). In caso contrario, a Sua discrezione, Lei potrà  scegliere di farsi seguire da Specialisti Oncologi di altri ospedali: sarà  nostra cura fornirLe al momento della dimissione una relazione clinica dettagliata con tutti i particolari necessari ai colleghi per la corretta impostazione della chemioterapia. Lei può utilizzare il numero di telefono della Accettazione di Oncologia sotto riportato (vedi rubrica telefonica), oppure inviare alla Accettazione stessa un fax (sotto riportato) indicando i Suoi dati anagrafici, il tipo di visita ed un numero di telefono: verrà  ricontattato dalla Accettazione per concordare la data dell'appuntamento. Se la patologia fosse limitata al solo rene, Lei verrà  candidato ad una vigile sorveglianza, basata sull'impiego di esami ematochimici ed indagini strumentali (ecografie, radiogrammi, TC, RMN). Consulti il Suo Urologo di riferimento, ovvero lo Specialista che l'ha valutata al momento della messa in nota di ricovero. Se Lei lo desidera, potrà  afferire al nostro Ambulatorio di Uro-Oncologia, per tutte le visite immediatamente successive alle prime visite di controllo urologiche ambulatoriali: in tal caso sarà  nostra cura fornirLe al momento della dimissione una relazione clinica dettagliata con tutti i particolari necessari per la corretta impostazione della sorveglianza, che dura almeno per 10 anni successivi all'intervento.



PREPARAZIONE ALL'INTERVENTO DI NEFRECTOMIA RADICALE

  
Gentile paziente, alleghiamo qui di seguito alcune nozioni riguardanti l'intervento chirurgico al quale sta per essere sottoposto e alcuni consigli pratici sul Suo decorso post-operatorio.Nella nostra U.O. uno Specialista Urologo è sempre presente ed eventualmente reperibile per le urgenze, pertanto se dovesse avere la necessità  di contattarlo in seguito all'intervento da Lei eseguito potrà  farlo telefonando al Reparto di Urologia.InterventoLa nefrectomia radicale consiste nell'asportare il rene ed il surrene contestualmente al grasso perirenale ed alla guaina esterna di quest'ultimo, detta fascia di Gerota, in altri termini il rene, il surrene e le strutture che li avvolgono, vengono asportati in un unico blocco. In fine si asportano anche i linfonodi locoregionali per una corretta stadiazione della malattia.INDICAZIONIQuesto intervento viene eseguito usualmente in caso di tumore renale maligno che abbia un diametro superiore ai 5 cm. Al di sotto di queste dimensioni si esegue una asportazione della massa tumorale risparmiando il rene. Tuttavia, ma solo in casi particolari, l'indicazione alla nefrectomia radicale può essere estesa anche a neoformazioni di diametro inferiore ai 5 cm in relazione alla loro localizzazione nel parenchima renale, così come l'asportazione della sola massa può essere eseguita per tumori più grossi. Tale decisione spesso viene presa preoperatoriamente, altre volte anche durante l'intervento chirurgico.
La nefrectomia radicale si prefigge di asportare la massa tumorale circondata da tessuto sano, così da ridurre il rischio che nel campo operatorio rimangano cellule cancerose che sarebbero responsabili delle recidive, cioè del riformarsi di masse tumorali la dove prima c'era il rene

Anestesia

Questo tipo di intervento richiede un'anestesia generale. In casi particolari, l'anestesista può richiedere preventivamente un'assistenza post-operatoria in regime di terapia intensiva, al fine di monitorare frequentemente i parametri vitali in pazienti con una compromissione generale della stato di salute.
Per il controllo del dolore, durante la preparazione all'intervento, l'anestesista può valutare la necessità  del posizionamento di un cateterino peridurale. Si tratta di un piccolo tubicino, posizionato a livello della schiena, che permette l'infusione continua di analgesici nel periodo intra-, peri- e post-operatorio.
Vi invitiamo a discutere i dettagli relativi a questo presidio con il Collega Anestesista, che vi fornirà  ogni delucidazione in merito al controllo del dolore nel periodo successivo all'intervento chirurgico.


Cenni di tecnica chirurgica


La nefrectomia radicale prevede un accesso addominale anteriore con incisione xifo-ombelicale o xifo-sotto-ombelicale mediana (cioè da sotto lo sterno fino sopra o sotto l'ombelico). In casi molto particolari la stessa incisione può o deve essere estesa al torace, ma l'aggressione chirurgica rimane sempre anteriore.
La corretta esecuzione dell'intervento prevede prima la legatura e la sezione dei vasi sanguigni renali (a scopo di evitare la diffusione attraverso il sangue di cellule maligne che potrebbero staccarsi dal rene), quindi la legatura e la sezione dei vasi gonadici e dell'uretere ed infine l'asportazione del rene. Per le neoplasie localizzate al polo superiore è prevista l'asportazione anche del surrene. Di prassi durante la nefrectomia vengono asportati anche i linfonodi limitrofi. Al termine dell'intervento viene poi posizionato un tubo di drenaggio dove prima c'era il rene, che verrà  rimosso (in reparto) generalmente dopo 2-3 giorni salvo complicazioni.
Dopo l'induzione dell'anestesia, l'anestesista posiziona un catetere venoso centrale. Questo presidio permette l'infusione di liquidi ed eventualmente di sangue o plasma. Viene rimosso nel post-operatorio (in reparto) quando le condizioni cliniche lo permettono, solitamente dopo 3 o 4 giorni dall'intervento.
Nel corso dell'intervento viene posizionato un sondino naso-gastrico che permette di mantenere vuota la via digestiva durante l'intervento e durante il decorso post-operatorio. L'utilizzo di questo presidio si rende necessario durante l'intervento effettuato per via addominale, in quanto l'accesso al rene viene effettuato tramite un approccio trans-peritoneale. Questa manovra necessita della mobilizzazione delle anse intestinali e può causare, in associazione all'anestesia generale, un rallentamento delle normali funzioni intestinali.
Infine, durante l'intervento viene inoltre posizionato un catetere vescicale che permette un monitoraggio costante della diuresi sia durante l'intervento che nei primi giorni di degenza post-intervento. Solitamente, il catetere vescicale viene rimosso in seconda giornata post-operatoria, ma questo periodo può variare in base alle condizioni cliniche.


DURATA DELL'INTERVENTO

L'intervento può durare dai 90 ai 240 minuti.

COMPLICANZE
  • Complicanze intraoperatorie possibili (più frequenti)
  • Emorragia con necessità  di trasfusioni di sangue sia durante che dopo l'intervento
  • Lesione della milza con eventuale asportazione della stessa - splenectomia- 1,5 % nei casi di nefrectomia radicale di sinistra
  • Lesioni del pancreas e dell'intestino
  • Pneumotorace
  • Complicanze postoperatorie possibili:
  • Anemizzazione da stillicidio ematico postoperatorio con formazione di ematomi perirenali che possono rendere necessario il ricorso ad emotrasfusioni supplementari (<1%) e in rarissimi casi ad un drenaggio percutaneo o un reintervento chirurgico a scopo emostatico.
  • Infezioni superficiali o profonde della ferita con possibilità  di setticemia
  • Insufficienza renale
  • Insufficienza surrenalica
  • Complicanze tromboemboliche
A partire dalla prima giornata post-operatoria, il paziente riprende a bere e ad alimentarsi in modo graduale. Il paziente viene fatto alzare da letto già  in prima giornata e, compatibilmente con la naturale ripresa delle sue energie, viene mobilizzato in misura sempre maggiore. E'bene che il paziente, non appena possibile, inizi a passeggiare nel corridoio per favorire la ripresa della normale circolazione, per evitare la formazione di trombi nelle vene degli arti inferiori e per facilitare la ripresa della attività  intestinale.


CONSIGLI ALLA DIMISSIONE DOPO INTERVENTO DI NEFRECTOMIA RADICALE  



Alimentazione

Potete mangiare tutto quello che desiderate non appena avete ripreso ad andare di corpo regolarmente. Risulta utile inoltre una corretta idratazione quotidiana (bere circa due litri di acqua al giorno).
E' accettabile un moderato consumo di alcolici.
E'particolarmente importante variare la dieta arricchendola di frutta cotta e di frutta fresca - tipo kiwi - e verdura, al fine di evitare la stipsi. Come obiettivo il paziente dovrebbe cercare di andare di corpo una volta al giorno, al fine di evitare il formarsi di feci particolarmente dure che potrebbero causare difficoltà  alla defecazione. Se ciò non dovesse succedere, il paziente potrà  provare ad assumere per bocca olio di vaselina oppure potrà  utilizzare prodotti come Dieci Erbe, Laevolac, Agiolax, Pursenid o similari (raccomandiamo la lettura dei foglietti illustrativi di questi farmaci e di consultare sempre il Medico di Medicina Generale prima di utilizzare qualunque prodotto anche da banco).


Attività  fisica

Dopo la dimissione dall'ospedale riprendete gradatamente e con buon senso la Vostra attività  fisica. Potete passeggiare, salire e scendere dalle scale. La guida della macchina può generalmente essere ripresa 3 settimane dopo l'intervento.Ricordate però di evitare sforzi eccessivi, come ad esempio sollevare oggetti pesanti o eseguire esercizi intensi (ginnastica, golf, tennis, corsa), nel corso delle prime 4 settimane che seguono l'intervento. Infatti questo è il tempo necessario perchè si sviluppi un tessuto cicatriziale saldo sia a livello della ferita che nelle zone interessate dall'atto chirurgico. Se intraprenderete attività  fisiche faticose prima del dovuto, la parete addominale potrebbe risentirne e risultarne più debole, portando alla comparsa di un'ernia in sede di ferita.
Dopo 4 settimane dall'intervento, potrete riprendere tutte le attività  svolte prima dell'operazione.


La ferita

I punti della ferita cutanea possono essere rimossi dopo circa 8 giorni dall'intervento. Potrete fare una doccia a partire da 2 giorni dopo la rimozione dei punti (il bagno nella vasca è permesso dopo circa 20 giorni dall'intervento).
Una minima parte dei pazienti può sviluppare una infezione di ferita. Questa si manifesta con la fuoriuscita dalla ferita di materiale limpido (siero) oppure di sangue frammisto a pus. Non preoccupatevi. Potrete farvi seguire dal Vostro Medico Curante oppure venire nei nostri ambulatori. Avvisateci sempre per un problema di questo tipo.


Dolore addominale


Il dolore addominale è frequente, ma non è localizzato dove il paziente potrebbe aspettarselo (ovvero lungo la linea mediana dell'addome). Il dolore è altresì localizzato da una delle due parti rispetto alla linea mediana stessa (raramente da entrambe le parti). Questo dolore è causato dall'irritazione e infiammazione dei muscoli addominali. In alcuni casi il dolore è riferito proprio dove erano collocati i tubi di drenaggio. Non preoccupatevi, perchè si risolverà  spontaneamente. Cercate però di evitare quelle attività  che ne favoriscano l'insorgenza.Per quanto riguarda i controlli futuri, vi raccomandiamo di seguire attentamente tutto quanto vi è stato scritto nella lettera di dimissione che vi sarà  consegnata.E'stato davvero un grande piacere avervi in cura. Speriamo che potrete sempre considerarci sia come medici che come amici.
Siete stati sottoposti ad un ottimo intervento e siamo sicuri che tutto andrà  per il meglio.


CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI NEFRECTOMIA RADICALE PER NEOPLASIA RENALEDEFINIZIONE

La nefrectomia radicale consiste nell'asportare il rene ed il surrene contestualmente al grasso perirenale ed alla guaina esterna di quest'ultimo, detta fascia di Gerota, in altri termini il rene, il surrene e le strutture che li avvolgono, vengono asportati in un unico blocco. In fine si asportano anche i linfonodi locoregionali per una corretta stadiazione della malattia.


INDICAZIONI


Questo intervento viene eseguito usualmente in caso di tumore renale maligno che abbia un diametro superiore ai 5 cm. Al di sotto di queste dimensioni si esegue una asportazione della massa tumorale risparmiando il rene. Tuttavia, ma solo in casi particolari, l'indicazione alla nefrectomia radicale può essere estesa anche a neoformazioni di diametro inferiore ai 5 cm in relazione alla loro localizzazione nel parenchima renale, così come l'asportazione della sola massa può essere eseguita per tumori più grossi. Tale decisione spesso viene presa preoperatoriamente, altre volte anche durante l'intervento chirurgico.
La nefrectomia radicale si prefigge di asportare la massa tumorale circondata da tessuto sano, così da ridurre il rischio che nel campo operatorio rimangano cellule cancerose che sarebbero responsabili delle recidive, cioè del riformarsi di masse tumorali la dove prima c'era il rene


DESCRIZIONE DELLA TECNICA

La nefrectomia radicale prevede un accesso addominale anteriore con incisione xifo-ombelicale o xifo-sotto-ombelicale mediana (cioè da sotto lo sterno fino sopra o sotto l'ombelico). In casi molto particolari la stessa incisione può o deve essere estesa al torace, ma l'aggressione chirurgica rimane sempre anteriore.
La corretta esecuzione dell'intervento prevede prima la legatura e la sezione dei vasi sanguigni renali (a scopo di evitare la diffusione attraverso il sangue di cellule maligne che potrebbero staccarsi dal rene), quindi la legatura e la sezione dei vasi gonadici e dell'uretere ed infine l'asportazione del rene. Per le neoplasie localizzate al polo superiore è prevista l'asportazione anche del surrene. Di prassi durante la nefrectomia vengono asportati anche i linfonodi limitrofi. Al termine dell'intervento viene poi posizionato un tubo di drenaggio dove prima c'era il rene che verrà  rimosso (in reparto) generalmente dopo 2-3 giorni salvo complicazioni.


DURATA DELL'INTERVENTO

L'intervento può durare dai 90 ai 240 minuti.


RISULTATI

La nefrectomia radicale è la sola terapia che ha la possibilità  di guarire un paziente affetto da tumore maligno del rene. La sopravvivenza a 5 anni dall'intervento varia a seconda dei casi , ma complessivamente arriva anche a superare il 70%.


VANTAGGI

Essendo una tecnica ben codificata, la nefrectomia radicale consente, in presenza di malattia neoplastica organo-confinanta (cioè quando la malattia è presente solo nel rene e non coinvolge altri organi a distanza), buona possibilità  di guarigione senza eccessivi rischi per il paziente.


SVANTAGGI

La perdita di un rene non comporta insufficienza renale e quindi modificazioni particolari delle proprie abitudini alimentari e/o delle proprie attività  lavorative a meno che il rene controlaterale sia ammalato a sua volta. Solo in tale caso, dopo l'intervento, il paziente potrebbe essere costretto a seguire un regime dietetico particolare o, nei casi più gravi di insufficienza renale, a terapia dialitica.


EFFETTI COLLATERALI

Trattandosi di un intervento che prevede l'apertura del peritoneo, può verificarsi un ritardo nella ripresa della motilità  intestinale, con eventuale necessità  di sondino naso-gastrico e/o sonda rettale nei primi giorni dopo l'intervento. In alcuni casi si preferisce posizionare il sondino naso-gastrico durante l'intervento stesso a scopo preventivo.


COMPLICANZE
  • Complicanze intraoperatorie possibili (più frequenti)
  • Emorragia con necessità  di trasfusioni di sangue sia durante che dopo l'intervento
  • Lesione della milza con eventuale asportazione della stessa - splenectomia- 1,5 % nei casi di nefrectomia radicale di sinistra
  • Lesioni del pancreas e dell'intestino
  • Pneumotorace
  • Complicanze postoperatorie possibili:
  • Anemizzazione da stillicidio ematico postoperatorio con formazione di ematomi perirenali che possono rendere necessario il ricorso ad emotrasfusioni supplementari (<1%) e in rarissimi casi ad un drenaggio percutaneo o un reintervento chirurgico a scopo emostatico.
  • Infezioni superficiali o profonde della ferita con possibilità  di setticemia
  • Insufficienza renale
  • Insufficienza surrenalica
  • Complicanze tromboemboliche
DURATA DEL RICOVERO

I tempi di degenza sono compresi fra 5 e 7 giorni salvo complicazioni. I punti di sutura possono essere rimossi dal Medico curante o da un Medico dell'equipe chirurgica a partire dall'8^ giornata postoperatoria.


CONTROLLI

Questa procedura non necessita solamente di un controllo postoperatorio, ma comporta per la malattia neoplastica di base un follow-up standardizzato per almeno 5 anni successivi all'intervento.


Torna all'elenco degli interventi

 

Home| Curriculum |Pubblicazioni|Attività  Clinica|Headline news|Contatti
 



European Urology
, di cui il Prof. Montorsi è Editor-in-Chief Emerito, è la rivista ufficiale della European Association of Urology (EAU)

Vai alla sezione





Vai alla sezione

 
Privacy Policy © 2009 Studio Montorsi. All rights reserved - P.IVA 04946680966 Credits